ANALISI DELLA PERFORMANCE MUSCOLARE

 


 

L’ analisi della performance muscolare preliminare viene condotta a livello dei due muscoli masseteri, dei muscoli temporali e dell’articolazione temporo-mandibolare, chiedendo al paziente di serrare i denti al massimo delle sue capacità per 5 secondi per tre volte consecutivamente. L’ ecografo a doppia sonda ed una coppia di sensori di pressione registrano l’attività dei muscoli. L’ esame può essere effettuato inserendo un numero di ripetizioni più elevato e/o aumentando il tempo della contrazione. L’esame fornisce i seguenti dati per ciascuno dei due muscoli esaminati

  • Valori dei nove pattern di deformazione
  • Velocità di contrazione
  • Pressione applicata

Questi dati permettono di individuare

  • Muscolo dominante.
  • Presenza di torsioni della mandibola sul piano orizzontale.
  • Dislocamenti della mandibola sia in direzione antero-posteriore che medio- laterale.
  • Presenza di torsioni della mandibola sul piano antero-posteriore.
  • Velocità di affaticamento del muscolo.
  • Regolarità della contrazione

I dati possono essere ottenuti sia per mezzo di una analisi che tiene conto della media delle contrazioni sia mediante l’analisi di ciascun ciclo di contrazione- rilasciamento. Nella stessa seduta vengono analizzati gli effetti sulla performance muscolare conseguenti all’ inserimento nel cavo orale di dispositivi medici su misura ( bite, protesi, ausili per l’aumento della dimensione verticale, ausili per la correzione del piano occlusale etc ). I dati vengono confrontati con un modello ideale.

 


PIANO DI ACQUISIZIONE ECOGRAFICO.png


Il piano ecografico di scansione può giacere nel piano orizzontale , nel piano antero-posteriore o nel piano sagittale a seconda delle esigenze. Ciò di fatto consente una analisi tridimensionale della deformazione cui viene sottoposto il muscolo. In pratica modificando l’ orientamento delle sonde è possibile misurare torsioni e spostamenti lineari in tutti e tre i piani dello spazio quando l’anatomia del muscolo lo consente come per esempio nel caso del muscolo massetere.

 

monolaterale

L’ analisi dello strain pur condotta a livello bidimensionale consente di apprezzare le ragioni per cui la muscolatura della testa e del collo di un paziente presenta una architettura tridimensionale specifica come è possibile osservare con una RNM 3D.

 


pattern di deformazione.png

Per semplicità e a puro titolo di esempio  presentiamo l’ analisi dello strain ed i relativi pattern di deformazione per il muscolo massetere con sonde orientate in modo da giacere nel piano di acquisizione orizzontale. Vedi la galleria di immagini

 


 

 

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: