ECHO-STRAIN

E’ una sistematica dedicata all’analisi strutturale e funzionale dell’apparato muscolo-scheletrico che trae origine dalla fusione di consolidate tecnologie quali l’ ecografia dinamica, l’ analisi dei pattern di deformazione del miocardio, la modellazione e simulazione physics-based del corpo umano e dei suoi distretti che ha aperto alla medicina lo straordinario mondo delle tecnologie CAD/CAM. Echo-Strain è una sistematica unica nel suo genere che consente di analizzare con precisione le relazioni tra le componenti dure e molli dell’apparato muscolo-scheletrico e dell’organo masticatorio tanto a scopo diagnostico che terapeutico.


Echo-Strain consente la produzione di dati quantitativi destinati allo studio dell’ apparato muscolo–scheletrico in generale e dell’ organo masticatorio in particolare e l’ interfacciamento con altri strumenti di indagine come l’elettromiografia, i rilevatori di pressione e i sistemi dedicati allo studio del movimento mediante tecniche di video tracking, poichè è una sistematica totalmente pc based. L’ ecografia dinamica è una tecnica di indagine clinica, strumentalmente assistita da una sorgente di emissione di ultrasuoni, che consente di osservare il comportamento dei muscoli e delle articolazioni sia in condizione di riposo che nel corso di una attività funzionale. L’ analisi dello strain o dei pattern di deformazione è una tecnica che permette, impiegando il filmato ecografico della contrazione di un muscolo scheletrico, di descrivere da un punto di vista sia qualitativo che quantitativo lo sforzo (strain) cui il muscolo viene sottoposto durante la contrazione ( Video 1 ). Tale indagine viene effettuata allo scopo di analizzare ad esempio la masticazione di un alimento, la deglutizione di un liquido, una prova da sforzo come l’alzata di un bilanciere su di una panca piana o attività motorie complesse come la deambulazione. L’ analisi dello strain è stata introdotta con successo dieci anni fa nella speckle tracking ecocardiography ed è oggi una tecnica largamente diffusa allo scopo di valutare quantitativamente la capacità contrattile del miocardio ( Video 2 ). Piu’ recentemente sono state introdotte alcune applicazioni per lo studio dell’ apparato muscolo-scheletrico ma non per l’organo masticatorio.


Echo-Strain permette quindi di introdurre nella vostra attività clinica tecniche proprie dell’ ingegneria ( Video 3 ) che oggi si addentrano in spazi un tempo esclusivi della medicina, che sempre più spesso condivide con essa i modelli matematici più avanzati, evidenziando il desiderio di utilizzare tutte le conoscenze sviluppate in secoli di ricerca per iniziare a simulare in modo attendibile la più complessa e stupefacente “macchina” con la quale abbiamo a che fare, il nostro corpo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: